L’esigenza di avere in Italia una legge sul libro

16 novembre, 2007

di Andrea Giannasi

E’ ormai evidente che l’Italia ha bisogno di una legge specifica sul libro che coinvolga gli editori di libri. E solo quelli.

Esaminando infatti la legge n. 62 del 7 marzo 2001 si pone in risalto, fin dai primi articoli, il fatto che per “editoria” si contemplano tutti gli aspetti del sistema editoriale. E dunque, anche con altre leggi e decreti leggi, si affrontano le questioni che riguardano l’editoria di giornali (Legge n. 416 del 5 agosto 1981), il mondo delle imprese radiofoniche (Legge n. 250 del 7 agosto 1990), del sistema radiotelevisivo (D.L. n. 323 del 27 agosto 1993), lasciando di fatto senza una specifica legge il mondo dell’editoria libraria.
Oggettivamente il legislatore ha nella legge n. 62 inserito alcuni elementi che sembrano avvicinarsi a questo sistema, ma alla fine in concreto poco si è fatto per tutelare le imprese e gli operatori del sistema libro.
In dettaglio fin dall’articolo 1, che definisce il soggetto del provvedimento stesso, si legge “Per «prodotto editoriale», ai fini della presente legge, si intende il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici. ”
Si evidenzia nella frase “ivi compreso il libro” tutta la marginalità del libro stesso.
Scorrendo poi tra articoli e comma troviamo riferimenti a imprese editrici di giornali; a erogazioni in favore dell’editoria italiana all’estero (attraverso la teletrasmissione in facsimile delle testate con una tiratura superiore alle 10.000 copie); ai fondi destinati alle cooperative di giornalisti; al trattamento straordinario di integrazione salariale per impiegati, giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti dipendenti da imprese editrici di giornali; a esodi e prepensionamenti ai giornalisti iscritti all’INPGI (la cassa di previdenza del settore); al fondo per la mobilità e la riqualificazione professionale dei giornalisti e la diffusione della lettura dei giornali.
Dunque una forte e solida vicinanza all’editoria di giornali che in ogni caso lamenta carenze strutturali e bisogno di sostegno e aiuti.
E anche per questo motivo si devono separare le molteplici e differenti anime del sistema editoria giungendo a studiare e promulgare provvedimenti per il mondo dei giornali, per quello della radiodiffusione, e soprattutto per quello del libro.
La contaminazione tra i diversi soggetti alla fine infatti rischia di scontentare tutti e non risolvere seriamente i problemi che affliggono e avvolgono l’intero mondo dell’informazione.
Proseguendo nella lettura vorremmo però soffermarci su due articoli che meglio accendono la nostra attenzione. L’articolo 9 che contempla il fondo per la promozione del libro e dei prodotti editoriali di elevato valore culturale e l’articolo 19 per gli interventi a sostegno della lettura nelle scuole.
Per quanto riguarda l’articolo 9 al comma 2 si legge che possono accedere ai contributi “gli editori che intendono realizzare e commercializzare prodotti editoriali di elevato valore culturale e scientifico; e i soggetti che presentano piani di esportazione e commercializzazione di prodotti editoriali italiani all’estero”. E ci viene spontaneo chiedere come mai da una parte si finanzia – o si intende farlo – il libro italiano fuori dal nostro paese e si pone un ostacolo così grave al sostegno dei libri inserendo la frase “di elevato valore culturale”. In pratica non si parla e non si costruisce la promozione del libro in Italia e comunque quando si tenta di farlo la si grava dell’etichetta di “elevato valore culturale”.
Questo articolo poi contiene la norma per le librerie delle province di Trento e Bolzano che dallo stato italiano ricevono risorse per l’apertura e la ristrutturazione. E anche in questo caso una legge italiana crea un ottimo modello di sviluppo e di aiuto alle librerie ma lo applica solo a due province del nostro paese privando tutto il resto di uno strumento valido.
Per quanto riguarda l’articolo 19 invece sottolinea che si devono attuare azioni a sostegno della lettura tra gli studendi, ma poi termina che per raggiungere tale obiettivo di deve “favorire la diffusione della lettura dei giornali quotidiani nelle scuole.”.
Ebbene siamo felici che si decida di leggere il quotidiano in classe, ma i libri dove li mettiamo?
In sostanza la legge 62 non aiuta il mondo dell’editoria emarginando la filiera del mondo librario a vantaggio di quella di giornali, che comunque lamentano forti carenze strutturali. E’ necessaria per questo una legge solo per il libro.
Infine a proposito poi delle librerie e degli sconti sul prezzo dei libri – che tanto fa discutere in questo periodo con l’emendamento Della Vedova – vorrei ricordare che in Francia esiste una legge sul prezzo fisso del libro dal 10 agosto del 1981. In Germania addirittura tale norma è vigente fin dal 1888. E’ una legge che regolamenta il costo dei libri e che stabilisce il prezzo unico. Una norma che di fatto tutela il libro dall’uso consumistico.
In sostanza il prezzo fisso evita infatti che il libro si trasformi in oggetto commerciale soggetto a rincari che mettono i librai in una condizione di inferiorità rispetto alla grande distribuzione. Ma soprattutto si protegge dalla concorrenza questo prodotto culturale.
La legge promulgata in Francia è stata studiata da altri legislatori europei e in pochi anni anche la Grecia e il Portogallo hanno seguito l’esempio francese andando ad ingrossare le fila dei paesi europei – che oggi sono dieci – dotati di una legge che tutela il libro attraverso il prezzo fisso di vendita.
Il primo risultato di queste norme è stato la difesa della pluralità del mondo dell’editoria e il mantenimento delle reti di librerie indipendenti.
Dunque non occorre molto per iniziare a lavorare alla tutela del prodotto librario. Basta osservare l’Europa.
In definitiva il mondo del libro ha bisogno di una legge specifica e di una norma che determini il prezzo fisso del libro. Solo compiendo questi due passi si potrà salvare la pluralità dell’informazione libraria italiana.

Andrea Giannasi

Info e filmati
http://www.associazione-culture.org
Prospettiva editrice & c. Sas di Giannasi Andrea
ISBN Editore 88-7418
Via Terme di Traiano, 25
00053 Civitavecchia – Roma

Ai sensi dell’art. 13 del Codice in materia di dati personali si informa che il trattamento dei Suoi dati personali, anche sensibili, compresa la posta elettronica, avverrà presso Prospettiva Editrice, con l’utilizzo di procedure anche informatizzate, nei modi e nei limiti pescritti dalla legge. Agli interessati sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7 e il diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica, l’aggiornamento e la cancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione della legge, nonchè di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi e di consultare l’elenco aggiornato dei responsabili scrivendo a e-mail segreteria@prospettivaeditrice.it, oppure a Andrea Giannasi – Prospettiva Editrice – via Terme di Traiano, 25 – 00053 Civitavecchia. Tel e Fax 0766 23598
http://www.prospettivaeditrice.it
segreteria@prospettivaeditrice.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: