Il diritto a braccetto con l’arte.

12 novembre, 2007

il diritto a braccetto con l'arte

Quando un avvocato esperto conoscitore del mercato dell’arte decide di mettere a confronto Diritto e arte, non può che nascerne un’opera intelligente e utile, sia per il collezionista che per il semplice cittadino. Le leggi e gli articoli sono trattati con rigore ed esattezza informativa, ma lo stile è accessibile, divulgativo e limpido.
Il libro Il Diritto a braccetto con l’arte,di Sergio Favetto, edizioni Falsopiano, sarà presentato mercoledi 15 novembre dalle autorità della provincia di Alessandria.

Beni culturali, paesaggio ed opere d’arte. Tre grandi temi, negli ultimi anni, divenuti oggetto di una complessiva rivisitazione giuridica, di una nuova attenzione da parte delle istituzioni e dei privati.
Temi che hanno acquisito una forte valenza attrattiva nel turismo culturale e nelle dinamiche socio-economiche.
Il diritto è sinonimo di regola; l’arte, di capacità creativa.
Le opere d’arte e i beni culturali sono espressione della genialità singola, ma anche della contestualizzazione storica e sociale, della professionalità organizzativa.
Beni culturali ed opere d’arte sono espressione di civiltà, come lo è il sistema giuridico di un dato Paese.
La fenomenologia artistica e la fenomenologia giuridica si possono intrecciare. Debbono intrecciarsi, perché coinvolgenti la sfera individuale-privatistica e le contemporanee partecipazione-fruizione sociale.
Dietro le quinte si possono celare, tuttavia, i rischi di una crescente omologazione estetica, di una superficialità ispirata da convenienze economiche e finanziarie; i rischi di attività speculative, di falsificazioni, di commercializzazione fraudolenta, di depauperamento del patrimonio archeologico.
Il saggio offre un accompagnamento consapevole ed avvertito; costituisce una “bussola” per capire a fondo questa dinamica realtà ed evitare le sorprese.
Il volume ha un’anima tecnico-giuridica, aggiornata al Codice dei beni culturali del 2004 ed alle ultime novità legislative del dicembre 2006. Una seconda anima informativo-divulgativa, con numerose notizie relative ai beni culturali, alla pianificazione paesaggistica, al controverso mercato delle opere d’arte, alle professionalità in campo (galleristi, art advisor, art consulting, aste d’arte, fiere specializzate, riviste tematiche, mercanti d’arte ed aste internet). Vi è poi una terza anima, definibile “di soccorso” a chi si avvicina al mercato delle opere d’arte ed intende tutelarsi nelle vendite e negli acquisti. Viene suggerito un vero e proprio paradigma di garanzia.
Il canovaccio che unisce le tre anime è la convinzione che il diritto e l’arte possono interagire, proprio per esaltare la creatività artistica.
È un saggio coraggioso, unico nel panorama troppo consueto della bibliografia del settore. Il cittadino, il lettore vi trova un abc giuridico di facile accesso.

Sergio Favretto (1952), esercita la professione di avvocato in Alessandria. Si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto comunitario, diritto societario, diritto urbanistico.
Ha operato con pubbliche amministrazioni, enti locali, associazioni di categoria, cooperative ed onlus.
Come giornalista pubblicista ha curato saggi ed articoli in tema di sviluppo locale, di valorizzazione dei beni culturali, di pianificazione territoriale ed ambientale, di programmazione negoziata.
Nel 2000, ha pubblicato con D. Ciravegna e M. Matto il saggio “I nuovi centri per l’impiego tra sviluppo locale e occupazione” presso la Franco Angeli, Milano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: