L’editoria cinese presentata agli editori italiani oggi a Pechino.

5 marzo, 2007

a Cina? Già diversa, almeno sotto il profilo dell’editoria, in soli due anni. E’ quanto emerge dall’indagine sul mercato cinese della Beijing Topview Consulting presentata oggi a Pechino alla delegazione italiana dei trenta editori guidati dal presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Federico Motta e dal direttore dell’Istituto nazionale per il Commercio Estero (ICE) di Pechino Antonino Laspina nell’ambito della missione organizzata da ICE in collaborazione con AIE. Una fotografia aggiornata (la sintesi è in allegato) che segue la ricerca commissionata proprio due anni fa da ICE e AIE per esplorare le potenzialità di business che la Cina offre.
Cosa ne emerge? Oggi la Cina è già un paese diverso, più aperto e soggetto alla cultura straniera. Non a caso il libro più letto (al luglio 2006) è il Codice da Vinci di Dan Brown, Harry Potter ha aperto la strada ai best seller anche nel segmento bambini e ragazzi e Stati Uniti e Regno Unito hanno scalzato – in fatto di import di diritti d’autore – Hong Kong e Taiwan.
Leggi tutto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: