Esce “Una sensibile differenza” l’arte eterodossa raccontata in un libro

24 luglio, 2006

Copertina_una_sensibile_differenza
“Gli artisti di oggi leggono i romanzi scritti dai coetanei, ne vedono i film e ne ascoltano la musica. Ma il contrario non succede, l’arte è ancora relegata in una specie di giardino dorato. Anche perciò è nato questo libro, per ristabilire un contatto con l’esterno”
Stefano Chiodi, critico d’arte romano che insegna all’Accademia di Belle Arti di Macerata, parla del volume Una sensibile differenza, appena pubblicato da Fazi.
Si tratta di una raccolta di interviste a ventuno artisti italiani che hanno esordito tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio del 2000. Il più «vecchio» dei selezionati è Cesare Pietroiusti, classe 1958, il più giovane il palermitano Domenico Mangano, che ha trent’anni.
Leggi tutto l’articolo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: