Insegnare la condivisione

31 luglio, 2006

Il celebre blogger canadese MCM, artista e scrittore, ha realizzato l’e-book The Pig and the Boxliberamente scaricabile in formato PDF dal sito, grazie all’adozione di licenza Creative Commons – in risposta a N11 Capitano Copyright, un sito pieno di giochi per bambini che ha l’obiettivo di educare alle restrizioni alla libera circolazione culturale in nome del diritto d’autore; un’operazione politico-culturale che ha già ottenuto l’avvallo del governo canadese.

The Pig and the Box si contrappone in maniera divertente alle finalità del Digital Rights Management e cerca di insegnare ai bambini che condividere con gli altri ciò che si possiede non è male ma, al contrario, una pratica da sostenere.

ScAtti di Scrittura

31 luglio, 2006

Letteralmente.com, il portale della piccola editoria, indice il concorso ScAtti di Scrittura, a cui è possibile partecipare fino alla fine di ottobre.

Il concorso sceglie il Sogno come tema di indagine di questa seconda edizione. La forma espressiva è un’originale commistione tra scrittura e creatività visiva: viene richiesto infatti di inserire a corredo del racconto proposto una fotografia, che definisca con il testo delle originali relazioni formali e di contenuto.

I primi dieci racconti classificati verranno pubblicati sul sito e sulla rivista L’Ink, periodico di informazione editoriale.

Il Ministro dei Beni Culturali, Francesco Rutelli ha incontrato i rappresentanti degli editori italiani. Come si legge in una nota diffusa dal Ministero “La riunione è servita a concretizzare una collaborazione in vista degli Stati Generali dell’Editoria che si svolgeranno a Roma per la seconda metà di settembre. L’obiettivo è una politica per favorire la lettura. Presenti all’incontro, tra gli altri, il presidente dell’Associazione editori, Federico Motta e i presidenti delle maggiori case editrici italiane”.

Liberliber_benvenuto1
Liber Liber, nota per il progetto di biblioteca telematica accessibile gratuitamente (progetto Manuzio), è una o.n.l.u.s. (organizzazione non lucrativa di utilità sociale) che ha come obiettivo la promozione di ogni espressione artistica e intellettuale. In particolare, Liber Liber si propone di favorire l’utilizzazione consapevole delle tecnologie informatiche in campo umanistico e di avvicinare la cultura umanistica e quella scientifica.
Liber Liber promuove numerose altre iniziative volte alla diffusione delle conoscenze informatiche in ambito umanistico, dedicando sempre una particolare attenzione a tutti gli strumenti capaci di facilitare un accesso libero e attivo al dibattito e alla produzione culturale italiana e internazionale.
Per saperne di più

Festival del Libro di Pisa

24 luglio, 2006

Festival_pisaDal 13 al 15 ottobre 2006 torna a Pisa il Festival del libro, lo spazio indipendente per gli editori indipendenti. Se siete editori, se non fate parte dei grossi gruppi editoriali, se siete librai, lettori appassionati, o bibliotecari, se lavorate con i libri o con le parole, non perdetevi questo importante appuntamento d’autunno alla Stazione Leopolda. I libri degli editori che aderiranno all’iniziativa saranno distribuiti da Polistampa e proposti alla clientela con uno sconto del 15%. Inoltre, in ogni punto vendita sarà distribuito un opuscolo pubblicitario sul Pisa Book Festival, stampato da Unicoop in 10 mila copie, con l’elenco completo degli editori espositori. Le case editrici potranno anche organizzare presentazioni dei loro titoli presso uno dei 6 negozi.

Copertina_una_sensibile_differenza
“Gli artisti di oggi leggono i romanzi scritti dai coetanei, ne vedono i film e ne ascoltano la musica. Ma il contrario non succede, l’arte è ancora relegata in una specie di giardino dorato. Anche perciò è nato questo libro, per ristabilire un contatto con l’esterno”
Stefano Chiodi, critico d’arte romano che insegna all’Accademia di Belle Arti di Macerata, parla del volume Una sensibile differenza, appena pubblicato da Fazi.
Si tratta di una raccolta di interviste a ventuno artisti italiani che hanno esordito tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio del 2000. Il più «vecchio» dei selezionati è Cesare Pietroiusti, classe 1958, il più giovane il palermitano Domenico Mangano, che ha trent’anni.
Leggi tutto l’articolo

Leggere

Un libro? Un capitale… Sarà proprio "Investire per crescere" lo slogan degli Stati generali dell’editoria 2006, presentati ieri dall’Associazione Italiana Editori (AIE) a Milano e in programma il 21 e il 22 settembre a Roma nella Sala dello Stenditoio di San Michele a Ripa.
Un momento che metterà a confronto gli editori italiani con il vice Presidente del Consiglio Rutelli e i ministri Mussi e Bonino, con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’editoria Levi, e con i vice Ministro Bastico e Intini. E ancora li porterà a dialogare con il presidente di Confindustria Luca Cordero di Montezemolo, con economisti, giornalisti, politici, rappresentanti delle istituzioni, locali e non, e delle forze politiche che hanno più dirette responsabilità nelle scelte di politica culturale, industriale e dell’export.
Al centro, il libro – e più in generale l’industria dei contenuti – e la sua capacità, dati alla mano, di influire sulla produttività del Paese. La ricerca – La lettura ha un valore, e non solo immateriale. Un modello econometrico dimostra che le regioni in cui si legge di più, a parità di altre condizioni, inclusi i livelli di istruzione, hanno dinamiche di produttività migliori. E questo nel lungo periodo, in modo strutturale. E ancora, la presenza di libri nell’ambiente familiare è in assoluto il fattore che fa crescere di più il rendimento scolastico dei ragazzi di oggi, che saranno i manager e professionisti di domani. Terzo aspetto: i consumi culturali sono un investimento più redditizio di quello in capitale fisico. L’analisi delle “funzioni di produzione” del sistema italiano ha messo in luce come l’insieme dei consumi culturali delle famiglie può e deve essere considerato un fattore di produzione della ricchezza prodotta nel paese

Leggi tutta la notizia