Documenti o monumenti? Migrazione e letteratura in Italia

9 giugno, 2006

Copljc
Ieri sera, presso la sala performance di Cittadellarte, Alessandra Di Maio ha tenuto una conferenza sulla letteratura di immigrazione nell’Italia di oggi, e su come questa venga trattata nei testi letterari. A partire dal 1990, anno della Legge Martelli, vengono presentati testi e autori che attraverso un dialogo forte tra narrazione e testi legali reclamano oggi il diritto a parlare in prima persona e a scrivere loro stessi di quella storia che contribuiscono a creare. Da "oggetto di narrazione" questi autori sono diventati "soggetti narranti", ponendo fine al monologo italiano e dando il via a una nuova forma di dialogo.
Nel suo intervento, la docente universitaria, i cui studi nel corso degli anni si sono specializzati nel campo della letteratura di immigrazione, prenderà come spunto per il dibattito e la riflessione alcune tra le pubblicazioni più rappresentative sull’argomento. Si tratta delle antologie di racconti Pecore nere (Laterza, 2005), Italiani per vocazione (Cadmo 2005) e della raccolta di poesie Ai confini del verso (Le Lettre 2006).
I tre libri entreranno a far parte del centro di documentazione sulla trasformazione sociale responsabile di Cittadellarte.

qui un’intervista a Mia Lecomte, appassionata di letteratura di immigrazione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: